News Primavera troppo sprecona per un Sassuolo così cinico
17 February 2018
Partita stregata per i baby bianconeri che non sfruttano le tante azioni da gol capitalizzate al massimo invece dai neroverdi

Primavera troppo sprecona per un Sassuolo così cinico

170830 009 Primavera Udinese Padova foto Simone Ferraro - ag Petrussi.JPG
UDINESE-SASSUOLO 1-4

Marcatori: al 35’ Mota, al 39’ Farabegoli, al 43’ Djoulou; nel secondo tempo al 33’ Mota e al 40’ Ahmetaj

UDINESE

Pizzignacco, Donadello, Parpinel, Pontisso, Caiazza (35’ s.t. Samotti), Vasko, Paoluzzi, Gkertsos (26’ s.t. Battistella), Djoulou, Varesanovic, Bocic (39’ s.t. Pecos Melo). 
All. Giacomin 

A disposizione: Gasparini, Vedova, Trevisan, Filipiak, Siverio

SASSUOLO

Satalino, Joseph, Celia, Amadio (19’ s.t. Ghion), Rossini, Farabegoli, Cappa (25’ s.t. Ahmetaj), Franchini, Mota, Frattesi, Raspadori (43’ s.t. Kolaj). 
All. Tufano

A disposizione: Fasolino, Pilati, Piacentini, Piscicelli, Rizzi, Denti, Maffezzoli

Ammoniti: Pontisso, Varesanovic, Caiazza, Farabegoli, Paoluzzi

Arbitro: Sig. Viotti di Tivoli

Assistenti: Zeviano di Legnago e Moro di Schio





L’Udinese Primavera paga una dose eccessiva di sfortuna con il Sassuolo che si aggiudica i tre punti al comunale di Manzano al termine di un incontro il cui passivo finale è decisamente troppo pesante per un’Udinese che per almeno un’ora ha avuto in mano il pallino del gioco.

I bianconeri partono bene e creano la prima occasione dell’incontro all’11′con Varesanovic che dal limite conclude con il destro, il pallone però cozza sul palo prima di finire la sua corsa sul fondo.

Al 15′ dribbling vincente di Bocic che va alla conclusione dal limite, ma il portiere ospite Satalino respinge con i pugni.

Arriva solo al 19′ il primo intervento di Pizzignacco in uscita alta su un tiro-cross di Celia.

Al 33’ Bocic serve Pontisso che calcia al volo con il destro, ma Satalino respinge come può.

Udinese che tiene bene il campo ma due minuti è il Sassuolo a passare al termine di un lancio lungo di Celio fatto proprio da Mota al limite dell’area e che dopo alcuni passi batte Pizzignacco in uscita.

Mischia nell’area del Sassuolo al 38’ ma nessuno riesce a propiziare la deviazione decisiva a rete. Sul capovolgimento di fronte i neroverdi ospiti guadagnano un calcio d’angolo sul quale Farabegoli insacca dopo essersi inserito tempestivamente sul secondo palo ed aver approfittato di una involontaria sponda di testa di Vasko.

L’Udinese, immeritatamente sotto di due reti, non ci sta e sul filo del 45’ accorcia le distanze: Bocic si insinua in area e consegna un preciso assist per Djoulou che arriva a rimorchio sul secondo palo e insacca in scivolata battendo sul tempo Satalino.

Il secondo tempo inizia con un’azione da rete per l’Udiense già al 1’ con Bocic che serve Varesanovic sulla cui conclusione Satalino blocca la sfera in due tempi.

Al 10’ Udinese pericolosa con Pontisso su punizione dall’altezza della bandierina, il suo lungo spiovente in area viene allungato con i pugni dall’estremo difensore ospite.

Due minuti dopo si cambia lato dell’area ma è sempre bianconero il colore predominante grazie a Paoluzzi sempre su punizione, ma la sua conclusione si spegne sull’esterno della rete.

Al 14’ Djoulou serve Paoluzzi che con un sinistro preciso costringe Satalino a toccarla in angolo.

Al 21’ ancora Paoluzzi a rendersi pericoloso con un tiro cross che per poco non beffa il numero uno ospite.

L’Udinese è quasi costantemente nella metà campo avversaria, anche alla mezz’ora quando una punizione dalla destra del sempre presente Pontisso non viene deviata a rete né da Varesanovic né da Caiazza per una questione di centimetri.

Al 33’ però il Sassuolo approfitta di una distrazione della difesa di casa con Franchini, servito da Frattesi, che mette un pallone in area apparentemente per nessuno, ma Mota è in agguato e si inserisce per il tap in decisivo.

L’Udinese a questo punto si demoralizza e al 40’ subisce il gol del 4-1 con il neoentrato Ahmetaj che batte Pizzignacco con un diagonale mancino sul quale cala virtualmente il sipario del match che termina dopo quattro minuti di recupero. 

Questo sito utilizza cookie, continuando a navigare acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni sono disponibili al link Privacy.
Accetto