28 October 2018
28 October 2018

Udinese, non basta un gran secondo tempo: a Genova finisce 2-2

A segno i due bomber bianconeri Lasagna e De Paul

02 Ge-Ud. © Foto Petrussi .jpg
GENOA-UDINESE 2-2

Marcatori: Romulo (31’) (R), Lasagna (65’), Romero (67’), De Paul (70’)

GENOA

Radu, Biraschi, Romero, Criscito (C), Pereira, Romulo, Sandro (71’ Mazzitelli), Bessa (85’ Hiljemark), Lazovic, Kouamè (75’ Gunter), Piatek

A disposizione
Russo, Vodisek, Gunter, Lopez, Lapadula, Mazzitelli, Pandev, Omeonga, Veloso, Medeiros, Zukanovic, Hiljemark

All. Ivan Juric

UDINESE

Musso, Opoku, Ekong, Samir, Pussetto (85’ Balic), Fofana, Behrami (C) (63’ Ter Avest), Barak (79’ Mandragora), Stryger, De Paul, Lasagna 

A disposizione
Scuffet, Nicolas, Wague, Vizeu, Micin, Ter Avest, Pontisso, Mandragora, D’Alessandro, Balic

All. Julio Velazquez

Ammoniti: Samir, Behrami, Opoku, Biraschi, Kouamè, Mazzitelli

Espulso: Romero (doppio giallo)

Arbitro: Mazzoleni
Assistenti: Di Liberatore, De Meo
IV Uomo: Pillitteri
Addetti VAR: Banti, Tonolini


Genoa-Udinese si gioca nonostante le condizioni meteo avverse che fino all’ultimo hanno messo in dubbio lo svolgimento dell’incontro. I rossoblù vogliono confermare il buon momento di forma dopo il pareggio conquistato contro la Juventus all’Allianz Stadium mentre la nostra Udinese vuole interrompere la striscia negativa di quattro sconfitte consecutive. Compito che si complica dopo il rigore trasformato al 32’ da Romulo dopo un fallo di Musso su Bessa.
Bianconeri che nella ripresa entrano in campo più determinati e riescono a pareggiare con Lasagna prima che Romero riporti avanti i liguri. Ci pensa poi De Paul con un gran gol a fissare il punteggio sul 2-2.  

Al 9’ prima occasione della partita per il Genoa: lancio millimetrico di Biraschi per Bessa, l’esterno rossoblu lasciato solo in area colpisce di testa a incrociare ma la palla scheggia il palo e termina sul fondo.

Al 13’ si fa vedere anche l’Udinese: cross dalla sinistra di Stryger per l’incornata di Lasagna che impegna Radu in tuffo.

Al 20’ punizione dal limite dell’area per il Grifone. Il tiro angolato di Criscito viene respinto dall’ottimo intervento del nostro estremo difensore.

Al 31’ Musso sbaglia l’uscita e travolge Bessa in area: Mazzoleni non ha dubbi e decreta il calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Romulo che spiazza il portiere bianconero siglando il gol del vantaggio.

Al 40’ De Paul dalla distanza esplode il destro: Radu accompagna la palla sopra la traversa.

Al 65’ arriva il pareggio dell’Udinese: cross perfetto di De Paul dalla destra per lo stacco imperioso di Lasagna su cui nulla può fare il portiere del Genoa.

Due minuti dopo il Grifone ristabilisce le distanze grazie al colpo di testa di Romero da calcio d’angolo.

Al 70’ il pareggio è servito: destro a giro di Rodrigo che dal limite dell’area fulmina il portiere rossoblu, la sfera si insacca all’incrocio dei pali.

Cinque minuti più tardi un’intervento ruvido di Romero su Pussetto costringe l’arbitro a estrarre il secondo cartellino giallo e la conseguente espulsione del giocatore genoano.

L’incontro termina dopo sei minuti di recupero portando ai ragazzi di mister Velazquez un importantissimo punto che dà ossigeno alla classifica.

DANIELE PRADÈ

"Mi prendo il punto perché il campo non era facile e nemmeno l'avversario. La squadra ha avuto un'ottima reazione soprattutto perché venivamo da un momento complicato che ci aveva fatto perdere un po' di sicurezze.
La squadra combatte e dà tutto, forse manchiamo un po' in personalità e in lettura di gioco ma i risultati arriveranno.
A Musso forse sono mancati i tempi di gioco ma si è riscattato alla grande con una parata stratosferica nel secondo tempo.
Anche Balic e Ter Avest sono entrati alla grande, sono fiducioso. Velazquez è un allenatore flessibile che cambia spesso modulo e attori: prendiamoci il punto e pensiamo al Milan
".

JULIO VELAZQUEZ

"Oggi era molto importante non perdere, dovevamo interrompere la striscia negativa e l'abbiamo fatto. In superiorità numerica potevamo rischiare di più e vincerla ma mi tengo stretto questo pareggio.
Siamo una squadra giovane che ha bisogno di fiducia e la fiducia si ottiene con le prestazioni e soprattutto con i risultati.
Nel primo tempo non siamo stati molto aggressivi mentre nel secondo abbiamo alzato il baricentro e pressato più alti. Non ho un modulo fisso né titolari inamovibili: mi è piaciuta la reazione dei ragazzi nel secondo tempo, la fame che hanno messo in campo.
Rodrigo è un gran giocatore ma non ha ancora raggiunto il suo 100%: si merita la convocazione in nazionale
".

RODRIGO DE PAUL

"Oggi possiamo parlare di due partite diverse: primo tempo non bello e nell'intervallo il mister ci ha fatto capire che non ci stavamo mettendo la cattiveria giusta. Nel secondo abbiamo giocato davvero bene facendo arretrare e soffrire una squadra come il Genoa. Forse potevamo portare a casa i tre punti ma non era facile rialzare la testa dopo il doppio svantaggio.
Sono contento delle mie prestazioni e spero in una seconda convocazione in nazionale".

KEVIN LASAGNA

"Abbiamo fatto un brutto primo tempo, non eravamo messi bene in campo. Negli spogliatoi ci siamo parlati, siamo rientrati più determinati e abbiamo subito pareggiato. La seconda rete del Genoa non ci ha buttato giù e l'ha dimostrato il gran gol di De Paul. Era importantissimo fare punti dopo quattro partite perse. Il secondo tempo abbiamo fatto vedere che siamo un’ottima squadra e possiamo giocarcela con tutti. Contro il Milan sarà dura ma possiamo metterlo in difficoltà".

SAMIR

"Devo fare i complimenti alla squadra per un secondo tempo giocato alla grande. A fine primo tempo il mister ci ha detto che dovevamo migliorare e secondo me l'abbiamo fatto. Abbiamo alzato la testa e superato il blocco psicologico facendo punti. Dobbiamo lavorare ancora molto per arrivare nel migliore dei modi per la sfida contro il Milan. E' necessario avere fiducia nei nostri mezzi e a mio parere possiamo fare una bella prestazione la prossima domenica. Nella difesa a tre mi trovo bene però l’importante è aiutare i miei compagni".

JUAN MUSSO

"Abbiamo giocato molto meglio nella seconda frazione di gioco. E' stato complicato contro questo Genoa ma sono felice della reazione che abbiamo avuto. Il ruolo del portiere è molto difficile: era parecchio tempo che non giocavo e forse questo mi ha un po' condizionato. L'importante è stato rialzarmi dopo l'errore, lavorerò per migliorare". 
Condividi su
Questo sito utilizza cookie, continuando a navigare acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni sono disponibili al link Privacy.
Accetto