01 marzo 2019
01 marzo 2019

Accadde oggi

Colui che stese Zico

Righetti2.jpg
Il 1° marzo 1963 nasce a Sermoneta Ubaldo Righetti, ex bianconero - nel ruolo di libero - nel torneo di Serie B nella stagione 1987-1988, la seconda dell'era Pozzo.

Cresciuto nelle giovanili del Latina, Righetti si affermerà come uno dei migliori battitori liberi italiani. Nel 1980 passa alla Roma e vi rimane fino al 1986, vincendo lo scudetto nel torneo 1982-1983 e sfiorando il successo in Coppa dei Campioni l'anno successivo, sconfitto in finale ai rigori dal Liverpool.

I friulani si ricorderanno di lui soprattutto per un episodio in particolare: il 21 aprile 1985 in Udinese-Roma (0-2), dopo appena 11 minuti entra in maniera scomposta e fallosa su Zico, che rimane tramortito a terra ed è costretto ad abbandonare la gara. Righetti se la cava solamente con un'ammonizione, comminata dall'arbitro Casarin.

Dopo l'avventura giallorossa nell'estate del 1987 il difensore passa all'Udinese, che nel frattempo è retrocessa in cadetteria. I bianconeri presentano molte novità rispetto all'anno precedente: non c'è più l'allenatore Giancarlo De Sisti, al suo posto arriva Massimo Giacomini. Le cose però non sembrano migliorare: a ottobre Giacomini viene esonerato dopo lo 0-0 casalingo con il Bari e viene temporaneamente sostituito con il tecnico della Primavera Marino Lombardo. Poi è la volta di Bora Milutinović. Con il serbo va di male in peggio, così Gianpaolo Pozzo chiama alla guida dei bianconeri l'esperto Nedo Sonetti. L'Udinese - che a ottobre aveva ingaggiato anche Beppe Dossena - si riabilita sale in posizione mediana ma non riesce a centrare la promozione che sarebbe stata a dir poco clamorosa stante un girone di andata decisamente negativo.

In quell'annata Righetti disputa 24 incontri, poi passa al Lecce due anni (53 gare disputate), a Pescara (4 anni, 87 incontri e 2 gol segnati), quindi chiude la sua carriera nel Terracina. 

Vanta 8 presenze con la Nazionale azzurra.         


Guido Gomirato

Condividi su
Questo sito utilizza cookie, continuando a navigare acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni sono disponibili al link Privacy.
Accetto