24 aprile 2019
24 aprile 2019

Accadde oggi

Kurt Andersson

kurtande.jpg
il 24 aprile 1939 nasce a Gävillare Kurt Andersson, mezzala dell’Udinese dal 1961 al 1964, totalizzando in tre stagioni - la prima nella massima categoria, le altre due in serie B - 79 presenze e 14 reti. Andersson viene acquistato dall’AIK di Stoccolma dopo aver mosso i primi passi nello Spanga e poi nel Ballsta; il suo impatto con l’ambiente friulano, in particolare con il clima torrido di Udine nell’estate del 1961 non è dei migliori. La società bianconera aveva infatti deciso con l’allenatore Luigi Bonizzoni di iniziare la fase di ritiro precampionato non più in montagna, bensì al polisportivo Moretti nel capoluogo friulano: lo svedese Andresson soffre moltissimo il caldo e il suo rendimento inizialmente non è dei migliori. Nella gara inaugurale del 27 agosto 1961 con la Roma, tuttavia, Andersson illude tutti di poter essere la soluzione ai numerosi problemi che presenta la “nuova” Udinese. Lo svedese va in gol contro la formazione giallorossa facendo sognare i tifosi bianconeri, ma ben presto la Roma segna, uno dopo l’altro, tre gol. Successivamente Andersson delude: si alterna in attacco con il nuovo acquisto bianconero, il danese Mortensen, e ben presto non trova più spazio. Le cose in casa friulana vanno di male in peggio e a novembre il Presidente Dino Bruseschi esonera il tecnico Bonizzone sostituendolo con Alfredo Foni, inoltre acquista dalla Roma Arne Selmosson (un gradito ritorno all’ovile) e altre 5 elementi, ma è tutto vano: l’Udinese è all’ultimo posto e Andersson gioca con il contagocce perché a quel tempo potevamo essere tesserati solo tre stranieri per squadra (Mortensen rientrerà in Danimarca) dei quali solo due potevano essere utilizzati e Foni privilegia l’argentino Luis Pentrelli e Selmosson. L’Udinese non rialza la testa, finisce il campionato all’ultimo posto con 17 punti, frutto di 6 vittorie e 5 pareggi e con 23 sconfitte. Andresson conta appena undici presenze e una sola rete segnata, quella dell’esordio con la Roma.
Nel 1964 l’Udinese è in serie B e Andersson viene ceduto al Varese che milita in serie A e nel quale finalmente lo svedese dimostra il suo valore, disputando 55 partite e segnando 7 gol. 


Guido Gomirato
Condividi su
Questo sito utilizza cookie, continuando a navigare acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni sono disponibili al link Privacy.
Accetto