22 maggio 2019
22 maggio 2019

Accadde oggi

Un pareggio che vale la Champions

Alexis Sanchez.jpg
Il 22 maggio 2011 l' Udinese conclude il suo splendido campionato ospitando al "Friuli" il Milan, neo campione d'Italia al cospetto di 35 mila spettatori. La squadra di Francesco Guidolin è chiamata a difendere la quarta posizione che vale la qualificazione ai play off di Champions League. L'Udinese ha due punti di vantaggio sulla Lazio (i bianco celesti vinceranno a Lecce per 4-2), le può andare bene anche il segno "ics" dato che è in vantaggio nei confronti della squadra capitolina nel duplice scontro diretto. Alla fine il match con il Milan finisce sullo 0-0, un risultato che fa esplodere il "Friuli", ma contro i rosso neri l'undici friulano avrebbe meritato di vincere. Nel primo tempo Amelia respinge sul palo un rigore eseguito da Di Natale e decretato per fallo di Seedorf sullo scatenato Sanchez, il più bravo di tutti. Anche Sanchez e Inler colpiscono il palo, il resto lo fa Amelia per cui la gara finisce a reti inviolate con i bianconeri che poi fanno festa grande sul rettangolo con il pubblico in piedi ad applaudire e a osannare i suoi eroi.
Quel giorno l' Udinese ha affrontato il Milan con il suo abito da festa, ovvero in formazione tipo: Handanovic, Benatia, Zapata, Domizzi; Isla, Pinzi, Inler, Asamoah, Armro; Sanchez, Di Natale. A disposizione: Belardi, Angella, Pasquale, Badu, Abdi, Denis, Corradi. Allenatore: Guidolin.
Condividi su
Questo sito utilizza cookie, continuando a navigare acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni sono disponibili al link Privacy.
Accetto