27 agosto 2019
27 agosto 2019

Accadde oggi

Inizia il campionato '61-'62

Udinese 1961-62-2.jpg
Il 27 agosto 1961 inizia il campionato di serie A con una importante novità: per disposizione della Fifa i pali delle porte, sino all'anno precedente quadrati, sono rotondi. Inoltre è ammessa anche la carica (di spalla) al portiere, regola però mai decollata. Va anche detto che per la prima volta il massimo campionato era iniziato in agosto, provvedimento che era stato adottato mesi prima in considerazione del fatto che l'Italia sarebbe stata impegnata all'inizio di giugno 1962 ai campionati del mondo in Cile.
Ci sono novità anche nell'Udinese che è radicalmente mutata a livello tecnico. Soprattutto si avverte la cessione di Lorenzo Bettini passato all'Inter. La squadra bianconera sarà protagonista di un cammino davvero negativo, in 34 incontri ne perderà ben 23. Concluderà all'ultimo posto con 17 punti, il frutto di sei affermazioni e cinque pareggi. Il debutto in campionato, il 27 agosto, avviene al "Moretti" di Udine, ospite è la Roma che è tra le favorite del campionato e che là davanti dispone di un quintetto di assoluto valore, Da Costa, Lojacono, Manfredini, Angelillo, Menichelli. L'Udinese va in vantaggio con il nuovo acquisto, l'attaccante svedese Andersson al 38' del primo tempo, poi nella ripresa si scatena la Roma, dopo 4' pareggia con Manfredini per poi passare in vantaggio al 33' sempre con l'argentino. La rete del definitivo 3-1 per i giallorossi è segnata un minuto dopo da Lojacono. L'Udinese che ha evidenziato fragilità nel sistema difensivo ha comunque pagato a caro prezzo l'infortunio subito al 10' della ripresa dal giovane Beretta, altro nuovo acquisto, che ha riportato la frattura del malleolo.
Questa la formazione dei bianconeri: Dinelli, Burelli, Valenti, Sassi, Tagliavini, Segato; Pentrelli, Galli, Bonafin, Andersson, Baretta. Allenatore Luigi Bonizzoni poi sostituito a novembre da Alfredo Foni. In quel nefasto campionato l'Udinese ha utilizzato ben 28 elementi, decisamente troppi considerato che allora non erano ammesse le costituzioni nel corso della gara.
Condividi su