09 maggio 2019
09 maggio 2019

Primavera: ripartiamo dal punto con la Juve

Domani alle 17 i nostri ragazzi affronteranno il Milan a Manzano

115 Ud-Chievo Ve. 12-01-2019 © Foto Petrussi.jpg
Un gruppo vero non smette mai di provare a migliorare, anche nelle difficoltà. Questo è successo alla nostra Primavera nella partita della settimana scorsa contro la Juventus, imponendole un pareggio che potrebbe costare loro molto caro in vista della rincorsa ai playoff. 

Ma il calcio è uno sport che abitua a voltare pagina immediatamente, nel momento esatto in cui arriva il fischio finale di una partita, o al massimo il giorno dopo se c’è da festeggiare più del dovuto. 

E allora ecco che arriva la gara col Milan, ancora in casa e in anticipo domani alle 17, come nuova occasione per confermare quanto di buono visto sette giorni fa, ma soprattutto per rimanere protagonisti a proprio modo nel campionato, provando a condizionare le rincorse agli obiettivi altrui.

La squadra rossonera arriva da una stagione decisamente difficoltosa che li ha visti occupare quasi sempre una delle due posizioni valevoli per la retrocessione diretta in Primavera 2. Ora questa classifica è in coabitazione col Sassuolo e il calendario non è dei più semplici, considerando che dopo i bianconeri ci saranno lo scontro diretto con la Sampdoria per poi chiudere contro una Fiorentina d’alta classifica.

I due dati più interessanti che emergono prima di questa gara sono quelli legati alla mancanza della vittoria. Da un lato i rossoneri che non hanno mai vinto in trasferta nel girone di ritorno, dall’altro i nostri ragazzi che non esultano per i tre punti esattamente da un girone. 

Proprio dalla gara d’andata col Milan, quando un gol sul finale di Mallè permise di rientrare a casa con i tre punti e con ancora viva la speranza per la salvezza. Il valore del ricordo può far riassaporare il gusto di momenti vissuti e gioie condivise, quello stesso ricordo che la squadra di mister Daniel potrà rivivere domani tornando a guardare coi propri occhi i colori rossoneri. 

Il detto popolare dice che il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi. Il coperchio allora possiamo provare a farlo noi, nella speranza che al 90’ si possa pure dargli pure un nome, Vittoria!!

Gianluca Lena
Condividi su
Questo sito utilizza cookie, continuando a navigare acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni sono disponibili al link Privacy.
Accetto