30 luglio 2019
30 luglio 2019

Accadde oggi - Narciso Soldan

Narciso Soldan

Il 30 Luglio 1987 moriva Narciso Soldan, preparatore dei portieri dell'Udinese dal 1981 al 1986. Da atleta è stato un ottimo estremo difensore vincendo due scudetti con il Milan.
Nato l'11 dicembre 1927 a Nervesa della Battaglia, ha iniziato a giocare tra i pali nelle giovanili della compagine della località natia per poi passare al Vittorio Veneto in C. Soldan aveva 22 anni quando è stato acquistato dall'Inter con cui ha militato due stagioni venendo utilizzato 42 volte in campionato per poi scendere di categoria difendendo i colori del Catania, altre due annate, 69 incontri disputati segnalandosi come uno dei migliori estremi difensori della cadetteria.
E' tornato in serie A voluto dal Torino. Con i granata, nel torneo 1953-54 è stato utilizzato 27 volte dall'allenatore Annibale Frossi. Quindi è stato ceduto alla Triestina dove in due anni si è posto alla ribalta disputando 54 incontri. Quindi è passato al Milan e nel 1956 alternandosi in porta con Lorenzo Buffon vince lo scudetto. Il 28 maggio 1958 l'allenatore Gipo Viani lo schiera tra i pali nella finale di Coppa dei Campioni disputata a Bruxelles contro il Real Madrid e vinta dagli iberici per 3-2 dopo i tempi supplementari con Soldan che non è impeccabile, tutt'altro, nella decisiva rete segnata da Gento al 107'. 
Rimane un'altra stagione al Milan poi nel 1959-60 difende la porta del Torino in B contribuendo con un campionato molto positivo al rientro in A dei granata. Rimane nel Toro un'altra stagione (41 gare di campionato), poi passa al Treviso (22 presenze in C) dove chiude la sua carriera. Con il Milan e con il Torino ha vinto pure la Coppa Amicizia italo-francese. A
ppese le scarpe al chiodo, ha allenato le squadre giovanili del Vittorio Veneto, del Conegliano e del Belluno. Poi ha guidato le prime squadre di Conegliano, Portogruaro, Belluno. Nel 1981 passa all'Udinese in qualità di preparatore dei portieri e vi rimane sino al 1986 quando, per motivi di salute dovuti alla Sla (Sclerosi laterale miotrofica) dà le dimissioni. Morirà un anno dopo a Conegliano.
Condividi su
Questo sito utilizza cookie, continuando a navigare acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni sono disponibili al link Privacy.
Accetto