30 agosto 2019
30 agosto 2019

Paolo Poggi: “Contro il Parma ci siamo sempre esaltati"

Parla l’ex centravanti bianconeri dell’era Zaccheroni

foto poggi.jpg
Dei diversi gol segnati con il bianconero friulano in Serie A, nessuno è arrivato contro il Parma. Paolo Poggi quella casacca ducale avrebbe anche potuto indossarla ma una scelta di cuore lo ha riportato nella sua Venezia: "Dopo il prestito a Piacenza, con il mio cartellino che era di proprietà emiliana, ho pensato che la squadra della mia città avesse bisogno di me. Zamparini aveva appena acquistato il Palermo e stava trasferendo tutti i giocatori in Sicilia. Chiesi a Sacchi di poter tornare in laguna e lui accettò, pur non condividendo la mia scelta". 

Le memorie personali della sfida sono così tutte in maglia Udinese, con due partite in particolare impresse nell'album dei ricordi: "Nel 1997, al Tardini, giocammo per la prima volta con il tridente. Era la 28a giornata, dopo la trasferta di Torino vinta in inferiorità numerica con la Juve, Zaccheroni mise per la prima volta in campo me, Bierhoff e Amoroso. E proprio a Marcio è legato il secondo episodio: nell'aprile 1999 lanciai lungo verso di lui a un minuto dal novantesimo, il resto (sombrero a Sartor, stop di petto e tiro al volo a bucare Buffon) fu un gol da fuoriclasse assoluto". 

Un trio indimenticabile, anche se Poggi rimarca il valore di quel gruppo che fece la storia: "La nostra Udinese non era solo il tridente, ma una squadra di uomini con principi morali sopra la media e naturalmente anche ottimi giocatori, accompagnati da uno staff altrettanto qualificato sul piano umano e delle competenze professionali". 

Valori fondamentali, a cui si somma la necessità di una coesione tra tutte le componenti, che, secondo Paolino, sta ritrovando solide fondamenta: "Questa Udinese non ho ancora avuto il piacere di vederla, ma mi ha impressionato come allenatore e squadra siano riusciti a ricreare un entusiasmo di cui la tifoseria aveva bisogno. Spero si possa ritrovare quel feeling tra club, squadra e tifosi che può fare la differenza in questo campionato. Con il vantaggio di poter usufruire di uno stadio straordinario".

Condividi su
Questo sito utilizza cookie, continuando a navigare acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni sono disponibili al link Privacy.
Accetto