30 marzo 2019
30 marzo 2019

Punti che danno fiducia

I commenti dei bianconeri dopo Udinese-Genoa

DSC_0993.JPG
Sebastien De Maio, il nostro portierone Juan Musso e gli autori delle due reti Stefano Okaka e Rolando Mandragora, commentano i tre punti conquistati e le prossime sfide che ci aspettano.

STEFANO OKAKA

Sei tornato da titolare dopo un piccolo infortunio e hai portato a casa un bel gol concretizzatosi grazie a un’ottima azione della squadra, sei soddisfatto?
"Era tanto che non giocavo, il periodo di calo è fisiologico ma ora sto meglio, mi sono rimesso in carreggiata e al lavoro e sono davvero contento di aver aiutato la squadra a vincere una partita fondamentale".

Oltre al tuo gol hai fatto una prestazione a 360°: è quel tipo di atteggiamento chiesto da Tudor, grinta e carattere?
"Questo è un po’ il mio modo di giocare e ora che sto bene fisicamente riesco a esprimermi al meglio. Cerco di migliorare allenamento dopo allenamento e seguire quello che dice il Mister. Ci ha chiesto carattere e cuore, dovevamo vincere e lo abbiamo fatto".

Questa vittoria vi da consapevolezza e fiducia per il Milan?
"Ci sono partite che bisogna vincere, come quelle con il Chievo e il Bologna e quella di oggi. Bisogna anche essere umili e capire che la stagione è questa. Se facciamo il colpaccio a Milano ben venga, ma dobbiamo essere consapevoli che le partite da vincere sono queste, come quella con l’Empoli. Con il Milan qualsiasi risultato sarà buono per noi perché giochiamo a San Siro di sera e sarà una bella atmosfera". 


ROLANDO MANDRAGORA
Complimenti per il grande gol, raccontacelo
"Stavo aspettando la palla di Nacho, quando ho visto che era alta non ci ho pensato due volte e ho calciato. Sono molto contento di aver segnato e soprattutto per la vittoria di squadra".

Il Direttore Pradè ha avuto delle belle parole per te, ti danno la carica?
"Il Direttore, come la società, ha sempre creduto in me. Non posso far altro che ringraziarlo per le sue parole e spero di ripagarlo con belle prestazioni e gol che portino l’Udinese alla salvezza".

Eri reduce dalla Nazionale e c’è stato poco tempo per preparare la partita, come è stato l’impatto con Tudor?
"L’impatto è stato più che positivo, il Mister ci ha fatto sentire subito a nostro agio, ci ha dato concetti che ci hanno fatto fare una grande prestazione. Speriamo di continuare su questa strada, con la testa bassa e pedalando fino alla salvezza".

È importante per l’autostima questa vittoria? Tra pochi giorni vi aspetta una grande sfida con grande squadra, il Milan.
"Sì, l’autostima è molto importante in questo momento. Speriamo di riuscire a macinare quanto più gioco possibile e avere consapevolezza dei nostri mezzi per portare in campo prestazioni di livello". 


JUAN MUSSO
Hai fatto una parata da fantascienza, come hai fatto?
"Ho toccato la prima palla con la spalla, dopo per fortuna avevo la mano dietro e sono riuscito a fermarla".

Con questa vittoria si chiude per te una splendida settimana perché è arrivato anche il debutto in Nazionale, cosa hai provato?
"Avere l’opportunità di giocare alla prima convocazione è una cosa rara, sono contentissimo.
Per noi bianconeri questa era una finale, giocavamo contro una squadra forte e motivata che aveva vinto con la Juve. Siamo stati bravi a capire che abbiamo le capacità di giocare e di fare un bel calcio. Abbiamo fatto delle ottime giocate finite meritatamente in gol".


SEBASTIEN DE MAIO
Come è stato primo impatto con il mister?
"Ottimo, il Mister è molto carico e mi ha fatto una bella impressione. Ci ha dato pochi consigli ma mirati". 

Quanto era importante vincere dal punto di vista mentale?
"Molto importante, questi punti ci danno fiducia: a Milano cercheremo di fare ancora meglio, poi ci aspetta una sfida altrettanto importante, lo scontro diretto con l’Empoli".
Condividi su
Questo sito utilizza cookie, continuando a navigare acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni sono disponibili al link Privacy.
Accetto