11 mayo 2019
11 mayo 2019

"A Frosinone per fare la partita"

Mister Tudor in conferenza stampa prima di Frosinone-Udinese

_MG_7421.jpg
Queste le parole di Mister Igor Tudor nella conferenza stampa di presentazione del match di domani, che si terrà allo stadio “Benito Stirpe” di Frosinone contro la squadra ciociara.

In settimana c’è stato il recupero di Troost-Ekong. Il giocatore è pronto per giocare domani?

"Sì. Lui giocherà ma finalmente posso dire di avere delle alternative nel reparto difensivo e questo è un fattore importante per questo finale di stagione. In settimana abbiamo lavorato bene allenandoci con lo spirito giusto, concentrandoci sull’intensità sia nelle fasi difensive che in attacco. Ci aspetta una partita difficilissima a Frosinone, dove siamo consapevoli di giocarci una fetta importante della nostra salvezza".

L’Udinese gioca sfruttando molto le ripartenze. Domani andate là per vincere e per fare la partita. Per ottenere ciò modificherà la tattica con la quale la squadra scenderà in campo?

"Quando si gioca contro il Frosinone è chiaro che bisogna impostare l’incontro in maniera diversa rispetto a quando si affronta l’Inter o l’Atalanta. Indipendentemente da questo, però, la chiave per noi è quella di continuare sulla strada perseguita finora, e cioè avere grande intensità, un forte pressing sui portatori di palla, compattezza e aggressività. Al contempo però dovremo stare attenti a non sbilanciarci troppo. Io vedo la mia squadra in crescita nelle ultime partite. Abbiamo giocato bene contro due avversarie stratosferiche come Atalanta e Inter. Io in settimana ho ribadito ai miei giocatori il concetto della mentalità: se sarà quella delle ultime settimane allora domani faremo bene, se viceversa andremo a Frosinone con l’idea che “tanto affrontiamo una squadra già retrocessa”, allora faremo male. Bisogna andare là giocando al massimo della concentrazione cercando di mettere in difficoltà l’avversario fin dal primo minuto".

Cosa si aspetta dal Frosinone, squadra già retrocessa e scarica, ma che al contempo non avrà nulla da perdere. Pensa che questo aspetto sarà una difficoltà in più per l’Udinese?

"Io spero che gli avversari siano più scarichi in quanto giò retrocessi, ma sicuramente non ci conto, noi dovremo solo andare là e giocare la partita al 100% e basta".

Una domanda sui nostri attaccanti. Come stanno Okaka, Lasagna e Pussetto?

"Stanno tutti molto meglio. Il mio obiettivo, quando sono arrivato qui, era quello di alzare il livello atletico senza giocare in modo passivo. A me piace molto di più come gioca la squadra nelle ultime partite rispetto al passato e sono convinto che dobbiamo continuare su questa strada".

Quanto possono pesare i due punti in più che ha l’Udinese sull’Empoli?

"Moltissimo. Ma come ho già avuto modo di dire altre volte, ormai pesa tutto. Però la cosa più importante siamo noi e fare in modo di influire con la nostra prestazione sul corso della partita".
Condividi su
Questo sito utilizza cookie, continuando a navigare acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni sono disponibili al link Privacy.
Accetto