21 septiembre 2019
21 septiembre 2019

Accadde oggi - Quattro compleanni d'eccezione

Compiono gli anni Lucci, Rossitto, Muzzi e Giannichedda

Oggi, 21 settembre, è il compleanno di quattro atleti che hanno indossato la maglia bianconera durante l'era Pozzo: Settimio Lucci, Fabio Rossitto, Roberto Muzzi e Giuliano Giannichedda.

Settimio Lucci classe 1961 è nato a Marino, era un battitore libero, è stato uno dei punti di forza che hanno permesso all'Udinese nella stagione 1988-89 di essere promossi in serie A dopo due stagioni trascorse nelle cadetteria. Lucci, cresciuto nelle giovanili della Lazio poi in  quelle della Roma, ha fatto il suo debutto in A con la formazione giallo rossa; poi ha militato nell'Avellino, nell' Empoli e nell'estate del 1988 è stato acquistato dall' Udinese con cui è rimasto sino al 1991 collezionando 106 incontri di campionato, tra A e B, segnando 2 reti. In seguito ha indossato le casacche di Piacenza di cui ben presto è stato il leader, Verona, Ternana, Ancona.

Fabio Rossitto, classe 1971, è nato ad Aviano; centrocampista, è cresciuto nel Fontanafredda per poi essere acquistato dall'Udinese con cui ben presto si è segnalato come uno dei giovani più interessanti. E' entrato a far parte della prima squadra dal 1989 e sino al 1997 ha disputato 187 gare di campionato. Poi è passato al Napoli (due anni), alla Fiorentina, un altro biennio, quindi è ritornato a Udine nell'estate del 2002 . In bianconero ha disputato altre 24 gare in due anni, poi ha militato in Belgio, nel Germinal Beersghot (una sola annata), infine nel Venezia e nella Sacilese. Vanta una presenza in nazionale, l'1 giugno 1996, Ungheria-Italia -02.

Anche Roberto Muzzi, attaccante, è classe 1971. Nato a Marino, come Settimio Lucci, è cresciuto nelle giovanili della Roma anche se sin da ragazzino era tifoso della Lazio. Con la Roma ha debuttato in A, poi nel Pisa, ancora Roma, ma il salto di qualità lo ha compiuto quando ha difeso i colori del Cagliari segnando 58 reti in 144 gare di campionato tra A e B, dal 1994 al 1999 quando  è passato all'Udinese rimanendovi sino all'estate del 2003. In maglia bianconera è stato utilizzato in campionato, sempre in A, 103 volte segnando 39 reti ed è ricordato come uno dei bomber più prolifici di sempre della storia ultracentenaria del sodalizio friulano. Dopo l'esperienza udinese ha coronato il sogno di difendere i colori della Lazio (due stagioni), quindi è passato al Torino (altre due annate) per chiudere la carriera nel Padova. Attualmente è collaboratore tecnico di Aurelio Andreazzoli allenatore del Genoa.

Giuliano Giannichedda è nato nel 1974 a Pontecorvo ed è cresciuto nelle giovanili della squadra di questa località agendo da centrocampista. Poi è passato al Sora, nel 1995 ha compiuto il grande salto, lo ha voluto l'Udinese di Alberto Zaccheroni in A. In bianconero è rimasto sino al 2000, poi è stato ceduto alla Lazio in prestito assieme a Fiore. Entrambi però sono rimasti in Friuli un'altra annata a titolo di prestito. Complessivamente Giannichedda ha disputato con l' Udinese 151 gare di campionato, tutte in A, segnando 2 reti. Con la Lazio poi ha vinto la Coppa Italia 2003-04. Nel 2005, dopo aver collezionato 107 presenze in A con i capitolini, è passato alla Juventus, due anni, quindi al Livorno con cui ha chiuso la carriera.

Vanta anche 3 presenze con la nazionale.

Due altri ex bianconeri, prima dell'era Pozzo, sono nati il 21 settembre: nel 1939 Giuseppe Pin, di Fossalta, terzino dell'Udinese dal 1963 al 1966 disputando 80 gare, 23 in B, 57 in C, segnando 2 reti; nel 1949 il difensore Franco Bonora, in bianconero dal 1977 al 1970 con 62 presenze e 2 gol.

Condividi su
Questo sito utilizza cookie, continuando a navigare acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni sono disponibili al link Privacy.
Accetto