13 marzo 2021
13 marzo 2021

Genoa - Udinese in pillole

Match Report

UC_Match report_Sito notizia(2).jpg
5 punti in più rispetto alla scorsa stagione, a parità di partite giocate. 5 risultati utili consecutivi, 9 nelle ultime 10. Dieci, numero ridondante. Perché l’Udinese non perde contro il Genoa proprio da dieci partite di fila. All’insegna delnumero dieci. Perché al vantaggio siglato da Goran Pandev ha risposto il solito Rodrigo De Paul. Solito per diverse ragioni. Vuoi perché i rossoblù rappresentano la sua vittima preferita in assoluto in Serie A (6 gol), e vuoi perché al momento il nostro capitano è il terzo giocatore argentino con la più alta percentuale di contribuzione ai gol della sua squadra nei top–5 campionati europei (37%), dietro solamente a Leo Messi e Lautaro Martínez. La prestazione individuale, come d’abitudine, non mente e non delude: 5% di possesso palla – nessuno meglio di lui – e 1 passaggio chiave, cui si aggiungono 5 dribbling riusciti su 6 tentati, 2 contrasti riusciti su 3 e 6 recuperi difensivi completati, a testimoniarne la generosità sia quantitativa che qualitativa.

Lo specchio dell’Udinese. Che soffre e rischia tanto nel finale, con l’occasione capitata a Zajc e la traversa colpita da Behrami, ma che comunque non avrebbe meritato di perdere. Anche perché le occasioni prodotte prima da De Maio e poi da Nestorovski, di fatto, pareggiano i conti. È questo, il paradigma. Il Genoa ha effettuato più tiri (10–9, 3–3 on target), ma ha creato meno reali occasioni da gol (3–4) dei bianconeri. Del resto, nel girone di ritorno meglio degli uomini di Gotti in termini di punti hanno fatto solamente Inter e Juventus, ovvero la capolista e la terza forza del campionato. Grazie all’impegno di tutti. Perché se da un certo punto di vista è normale che siano stati Nuytinck (10) e Becão (7) a completare il maggior numero di recuperi difensivi della partita, dall’altro è un gesto di totale devozione per la causa il fatto che sia Fernando Llorente (7) il terzo bianconero che ne ha effettuati di più.

Era una partita estremamente complicata, come da prassi. È arrivato un punto tutto sommato utile. Che distanzia di un’ulteriore passo le inseguitrici, e avvicina sensibilmente il traguardo di un altro anno in Serie A. Il giusto leitmotiv, per avvicinarsi alla sfida ad alta quota contro la Lazio.

Condividi su