26 agosto 2020
26 agosto 2020

Marino: "Non sfalderemo la squadra. Programmiamo la crescita della squadra"

Le parole del Responsabile dell'Area Tecnica a Udinese TV

Marino conferenza.JPG
Il Responsabile dell'Area Tecnica Pierpaolo Marino ha analizzato le strategie di mercato bianconere in esclusiva ai microfoni di Udinese TV.
Ecco le sue parole:

"La società ha una continuità tecnica, dopo il lockdown ha fatto 17 punti in 12 partite. una squadra rimane in Serie A per 26 anni, a quel punto si programma una crescita,  non si va a disperdere quello che è stato fatto nell’ultimo anno che io ritengo più che decoroso per come si è concluso, con 24 punti nel girone di andata e non solo per il ritorno. La squadra è stata tranquilla dall’inizio del campionato fino  alla fine e non ha mai rischiato. Io sono convinto che il programma dell'Udinese sarà di crescita non vogliamo sfaldare la squadra come sento dire da alcuni in giro. Voglio tranquillizzare i tifosi, al momento è partito solo Fofana, ripeto non vogliamo affatto smantellare la squadra. Ricordo che Fofana non avevo mai detto che sarebbe rimasto, non ha voluto rinnovare il contratto e non potevamo rischiare di perdere a zero un giocatore come lui. Il calciatore, poi,  ha fatto una scelta di cuore.  
 È partito Fofana, ma ricordo che sono rientrati dei giocatori importanti come Barak. È arrivato anche un esterno importante, Molina, anche se non si trova ancora qui fisicamente per i problemi legati alle normative anti Covid. Una volta qui avremo anche sulla fascia un giocatore importante che nessuno considera e che io invece considero come un giocatore già pronto, non un prospetto, che viene a rinforzare l’Udinese. Sono rientrati, inoltre, molti calciatori dai prestiti e qualcuno con Gotti lo vogliamo rivalutare. È partito Sema, ma lui era in prestito. C’è la volontà, inoltre, di dare spazio a Zeegelaar che due anni fa aveva lavorato molto bene qui.
Per De Paul, al momento non ci sono ancora offerte concrete sul tavolo. Non posso che ripetermi, De Paul è un giocatore e un fuoriclasse importantissimo. 
Non andiamo a offrirlo in giro perché non lo vogliamo vendere e la priorità è solida non ha bisogno di farlo. Sapete tutti benissimo che quando arrivano squadre come il Real Madrid o il Barcellona nessuno può dire di no, ma al momento non sono arrivate offerte concrete. Se arrivassero proposte che soddisfino noi e lui da parte di gradi squadre, nel caso, penseremo ad accontentarlo. In quel caso andremo a sostituirlo e lo sostituiremo egregiamente. Al momento si sta procedendo per garantire una continuità a questa intelaiatura della squadra, che assieme al tecnico, ha fatto un ottimo lavoro soprattutto nelle ultime giornate.
Vogliamo tenere Musso e Lasagna, Ripeto non abbiamo necessità di vendere. Il programma che abbiamo approvato è quello di garantire continuità alla squadra perché tutti hanno riconosciuto che Udinese ha fornito delle ottime prestazioni venendo penalizzata in termini di punti. Basti pensare che non abbiamo mai avuto la fortuna di poter usufruire di un calcio di rigore nell’annata record dei rigori fischiati in Serie A."
Condividi su