21 aprile 2020
21 aprile 2020

Accadde oggi | Ariedo Braida

Compie gli anni oggi l'ex centravanti bianconero

Ariedo_Braida.jpg
Il 21 aprile 1946 nasce a Precenicco Ariedo Braida, calciatore dell’Udinese dal 1962 al 1966 e poi DS del club bianconero dal luglio 1984 al gennaio 1986. Braida è cresciuto nelle giovanili della società udinese, nel 1962 è entrato nell’orbita della prima squadra; era un centravanti di buona tecnica, con il fiuto del gol. Un opportunista, ma che sapeva mettersi. Ha debuttato con i bianconeri nel torneo di B 1962-63, esattamente il 16 giugno 1963, in Verona-Udinese 2-1, ultima giornata. L’anno dopo, sempre con i cadetti, di gare ne ha disputate tre, poi in C nel 1964-65 è stato utilizzato in 9 gare segnando due reti, la prima il 2 maggio 1965, Udinese-Marzotto 2-0. È rimasto a Udine un’altra stagione e nel 1965-66 si è consacrato attaccante tra i migliori della categoria; ha disputato tutte le 34 gare, ha segnato 13 reti ma non sono bastate per riportare la squadra, allenata da Gigi Comuzzi, in B. Alla fine due punti hanno separato i bianconeri dalla capolista Como, 43 contro 45 dei lariani che sono saliti nella cadetteria.
Ariedo Braida con la Primavera bianconera nella stagione 1963-64 ha vinto il campionato nazionale di B, poi ha avuto la soddisfazione di sconfiggere anche l’Internazionale, che aveva vinto lo scudetto nel torneo giovanile serie A, in un  duplice confronto, 2-1 a Milano, 0-0 al “Moretti” di Udine, che doveva suggellare la più forte formazione Primavera del calcio italiano.
Nel luglio del 1966 Braida è approdato al Pisa, poi al Brescia, al Mantova. Nel 1969 è a Varese dove rimane sino al 1979. Nella sua prima stagione con questa squadra è grande protagonista, vince la classifica cannonieri della B con 13 reti. Conclusa l’avventura con il Varese, gioca nel Cesena,  nel Palermo, Monza, Parma per chiudere la carriera nel Sant’Angelo Lodigiano con cui ha militato dal 1979 al 1981.
Nel 1984 è nuovamente all’ Udinese quale nuovo Direttore Sportivo in sostituzione di Franco Dal Cin che alcuni mesi prima aveva rassegnato le dimissioni. Rimane nell’organigramma societario al cui capo c’è Lamberto Mazza, sino al gennaio del 1986 quando passa al Milan con analogo incarico con cui rimane sino al 2013. Poi inizia la sua avventura nel Barcellona.
Braida con l’ Udinese ha disputato 47 gare segnando 15 reti.


Condividi su