25 ottobre 2019
25 ottobre 2019

Accadde Oggi | Guido Testolina

E' stato il primo allenatore dell'Udinese nel massimo campionato, è morto il 25 ottobre del 1978

Testolina Bigogno Bruseschi.jpg
Il 25 ottobre 1978 moriva a Venezia, sua città Natale, Guido Testolina, il primo allenatore dell'Udinese nel massimo campionato. Testolina, nato l'1 giugno 1911, ha iniziato a giocare con la Mestrina; era una discreta mezzala, poi è passato alla Serenissima, ma a 28 anni ha appeso le scarpe al classico chiodo per intraprendere la carriera di allenatore alla Mestrina. Dal 1942 al 1944 è stato anche il nocchiero della Triestina e nel dopo guerra ha allenato ancora la Mestrina, Spal, Mestrina sino al 1950 quando l'allora presidente dell' Udinese Giuseppe Bertoli lo chiama alla guida dei bianconeri in sostituzione di Aldo Olivieri, il protagonista del duplice salto dalla B alla serie A dal 1948 al 1959, passato all'Inter. Nel primo anno l' Udinese con  Testolina ha fatto bene, nono posto finale con 35 punti il frutto di 11 affermazioni, 13 pareggi e 14 sconfitte. L'anno dopo i bianconeri sono meno brillanti, ma rimangono per tutto il girone di andata a debita distanza dal baratro. Le cose vanno meno bene nel periodo febbraio-marzo 1952 e dopo la sconfitta casalinga con la Juventus, 2-7, alla 27^ giornata, Bertoli esonera Testolina e responsabilizza Severino Feruglio quale giocatore-allenatore della squadra. Alla fine l'Udinese si salverà piazzandosi al 14° posto (su 20 squadre). Dopo l'avventura friulana, Testolina guiderà il Venezia (1952-53), poi il Treviso, 1953, sarà nuovamente alla guida della Mestrina e nel 1956 ritorna a Udine quale vice allenatore di Giuseppe Bigogno rimanendovi sino al 1958 quando quest'ultimo passerà all'Internazionale sostituito da Luigi Miconi; quindi allena Rimini, Rovigo, Mestrina, Fermana e dopo essere rimasto fermo cinque anni, guida ancora la Mestrina nel 1977.
Condividi su
Questo sito utilizza cookie, continuando a navigare acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni sono disponibili al link Privacy.
Accetto